Chi sono?

La blogopedista

donna di mezza età napoletana, le cui esperienze precedenti, lavorative e non, rappresentano un limite a ciò che sarebbe stata.

In realtà non lo so.

Ogni giorno mi scopro una persona diversa, una persona nuova. Mi piace essere così. Amo solo due cose nella vita: l’infinito e l’indefinito, ecco perchè questa descrizione finisce drasticamente qui. Casomai a qualcuno dovesse interessare, ho deciso di aprire questo blog perché potrebbe aiutarmi a dare un senso al nonsense che mi contraddistingue dalla nascita, così, in maniera anche un pò terapeutica, rispetto alla rigidità di un sistema che ci vuole sensati ad ogni costo. “Blogopedista” quindi: terapista di me stessa attraverso un blog che mi guidi ad esplorare i luoghi “non comuni” che nemmeno le mappe di Google possono raggiungere e dove vorrei perdermi inesorabilmente in me stessa anziché provare a ritrovarmi in ciò che il resto del mondo, forse, si aspettava da me.