Il cuore a spasso

Ogni tanto mi piace mettermi in macchina e portare a spasso il cuore. Ovviamente guido io. Lui non deve fare altro che chiudere gli occhi e fidarsi di me. Tanto lo so quali sono i posti che gli piacciono di più, e so che gli piace ascoltare sempre la musica quando usciamo insieme soli, ioContinua a leggere “Il cuore a spasso”

Flipper

Mio padre parlava molto poco, eppure mi ha insegnato tanto, senza nemmeno volerlo. Ero una ragazzina quando mi fece un regalo straordinario: una bottiglia di whisky vuota. Prima di pensare che fosse completamente impazzito, mi accorsi che aveva una fessura nel vetro della dimensione pressapoco di una moneta. Lui stesso ne infilò una subito, laContinua a leggere “Flipper”

Verso il domani

E’ lento il silenzio, vuoto come le scarpe che oggi non ho indossato. Bussa il cuore ma non apro, oggi non ci sono, non ci sono più. Non esiste che un ricordo lontano di fiori confezionati e di belle parole. Scritte, oppure sussurrate, facevano vita in quella dimensione spenta. Abbasso la luce e la penombraContinua a leggere “Verso il domani”

Il centro dell’attenzione…

Il centro dell’attenzione è un posto bruttissimo. E’ pieno di ispide insidie pronte a ferirti e di mangrovie che non ti lasciano passare. La luce è dissuadente rispetto a tutto il resto che ti circonda e non arriva mai il buio a proteggerti dall’insistenza delle riflessioni. Il fragore delle voci esterne reclama costantemente il tuoContinua a leggere “Il centro dell’attenzione…”

Il primo caffè del primo settembre

Il primo caffè del primo settembre ha lo stessa aroma delle pagine di un libro aperto per la prima volta, ha il profumo della crema per il viso scelta dopo aver guardato la pubblicità, ha il sapore della prima colazione servita ancora a tavola, ha la fragranza della pelle rigenerata dopo l’abbronzatura, ha il sensoContinua a leggere “Il primo caffè del primo settembre”

Lo sfregio sul cuore

A volte è il peso delle nostre aspettative disattese a rendere più lento il ritmo dei nostri passi. Camminare adagio però non è un male, anzi, quando l’andatura permette di scorgere i fiori che fanno capolino tra i sassi, allora vuol dire che si sta andando alla velocità giusta. E non importa che qualcuno ciContinua a leggere “Lo sfregio sul cuore”

Tra la luna e la sabbia

Lei era lì, seduta tra la luna e la sabbia. Il cuore in gola le permetteva a malapena di respirare e l’umidità dell’aria ed il sudore rendevano le sue mani scivolose al tatto. Voleva specchiarsi nel mare, ma aveva paura di quello che avrebbe visto e se ne vergognava prima ancora di scorgerlo. La testaContinua a leggere “Tra la luna e la sabbia”