Scrivo perché non so disegnare la pizza

Se mi domandano perché mi piace scrivere io rispondo sempre che è una mia innata passione, ma questa è una generica banalità oltre che una bugia. In realtà io scrivo semplicemente perché non so disegnare. E’ così e non mi vergogno a dirlo. Se davanti a me ho un foglio bianco, una matita in manoContinua a leggere “Scrivo perché non so disegnare la pizza”

Donna, che fuggi…

Donna: ciclica come la luna, potente come il sole, indomabile come gli uragani, fertile come la terra, acqua che dà la vita, universo di cui tutti noi siamo figli. Donna tradita, offesa, umiliata, minacciata. Donna che sai di essere più forte ma ti lasci disarmare dal cuore tuo materno, da sempre vivi come vive ilContinua a leggere “Donna, che fuggi…”

Rifugiati

Rifùgiati, chiunque tu sia, nelle profondità intime delle coscienze, rifùgiati in quei bagagli di dignità che trovi aperti e tra la polvere della indignazione che esplode. Rifùgiati tra le macerie dei sogni infranti dai vari “credo” traditi e nasconditi sicuro nella vergogna di ciascuno di noi di non essere te. Lasciati consolare dalle lacrime diContinua a leggere “Rifugiati”

Tra la luna e la sabbia

Lei era lì, seduta tra la luna e la sabbia. Il cuore in gola le permetteva a malapena di respirare e l’umidità dell’aria ed il sudore rendevano le sue mani scivolose al tatto. Voleva specchiarsi nel mare, ma aveva paura di quello che avrebbe visto e se ne vergognava prima ancora di scorgerlo. La testaContinua a leggere “Tra la luna e la sabbia”